Warning: include(images/social.png): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.emilianopetrone.it/home/wp-content/themes/Memoir/functions.php on line 167

Warning: include(images/social.png): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.emilianopetrone.it/home/wp-content/themes/Memoir/functions.php on line 167

Warning: include(): Failed opening 'images/social.png' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php/') in /web/htdocs/www.emilianopetrone.it/home/wp-content/themes/Memoir/functions.php on line 167
La recensione di Mario Mauro | Emiliano Petrone

La recensione di Mario Mauro

Non temo il confronto, anzi, sono contento quando qualcuno critica in maniera costruttiva ciò che ho creato, perchè questo mi aiuta a comprendere e correggere eventuali errori. E allora voglio ringraziare Mario Mauro, scrittore, lettore e recensore. Sul suo blog, infatti, oltre a tutte le informazioni riguardo il libro che ha scritto (Adam White e la vendetta del primogenito, genere fantasy), si possono trovare varie recensioni che lui stesso ha creato.
Ho sfidato un po’ la sorte poichè Mario è un amante del genere fantasy e molti avrebbero temuto a far leggere il proprio romanzo, dai risvolti prettamente romantici, a chi nelle vene sente scorrere mondi paralleli ed è abituato a vivere un altro genere di storie. Io avevo bisogno di questo invece: qualcuno che potesse criticare il mio libro e sono contento di avergli messo a disposizione il romanzo. Mario, con molta cura e grande obiettività, ha riportato la sua recensione sul sito e devo dire che sono sostanzialmente soddisfatto del suo giudizio. Non posso fare a meno di pensare che per me, Da qualche parte oltre l’arcobaleno, è stato il primo romanzo in assoluto ed ho fatto i conti con la totale inesperienza nel mondo della scrittura. Evidentemente, però, sono riuscito a trasmettere i miei sentimenti attraverso le oltre duecento pagine di cui è composto il libro e raggiungere lo scopo che mi ero prefissato: far vivere la storia al lettore.

Ma non voglio anticiparvi nulla e quindi vi riporto direttamente la recensione che potete trovare qui.

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *